Tromba d’aria e forti temporali, la provincia in ginocchio

Piove in quasi tutto l’Agrigentino, e c’è stata anche una tromba d’aria, questa mattina alla periferia di Canicattì, che ha interessato contrada “Grottarossa”, e diverse zone di campagna, al confine tra i territori delle province di Agrigento e Caltanissetta. La furia del vento ha abbattuto alberi, cartelloni stradali e pubblicitari, parti di coperture in lamiera, e teloni di serre. Danneggiati diversi terreni agricoli. Disagi in contrada “Salice”, con una interruzione nella tratta ferroviaria nella zona di Serradifalco – Canicattì.

“Da stamattina stiamo intervenendo in più parti per tamponare i danni del maltempo e ripristinare ove possibile la viabilità. Pur non avendo ricevuto nessuna comunicazione di Allerta Meteo per la giornata di oggi, consiglio fortemente di rimanere a casa. Monitoriamo costantemente la situazione ed attendiamo gli sviluppi in modo da potervi aggiornare immediatamente”, dice il sindaco di Canicattì Vincenzo Corbo.

In altre zone, segnalati allagamenti e strade come fiumi in piena, ad Agrigento, maggiormente colpiti il Cannatello, e San Leone. Allagate anche alcune arterie del centro città,  e “cascate” lungo le scalinate di via Saponara, e tra via Acrone e via Callicratide. Difficile percorrere la via Passeggiata Archeologica al posto di ristoro con l’acqua fin sopra i marciapiedi. Altri allagamenti di strade a Favara, Realmonte, e Porto Empedocle. Decine gli interventi dei vigili del fuoco.