Sindacalista travolta e uccisa, condanna ridotta ad automobilista

I giudici della Corte di Appello di Palermo hanno ridotto la pena nei confronti del palermitano, Andrea Saverio Sola, 25 anni, arrestato il 31 agosto del 2019 a Lampedusa, qualche ora dopo avere travolto e ucciso con la sua auto, Fulvia Morando, la quarantanovenne di Pinerolo, in provincia di Torino, dirigente sindacalista del Caf Cgil, mentre si trovava in vacanza di lavoro sull’Isola più grande delle Pelagie.

La condanna per omicidio stradale, a 4 anni e 8 mesi di reclusione, inflitta poco meno di un anno fa dal giudice monocratico del Tribunale Agrigento Alfonso Pinto, è stata ridotta di 8 mesi per effetto dell’esclusione dell’aggravante della fuga.

La donna stava passeggiando in contrada “Terranova”, quando è stata investita da un fuoristrada Suzuki Santana, che l’ha scaraventata contro un muretto. E’ morta poco dopo essere arrivata al Poliambulatorio. La difesa, affidata all’avvocato Monica Malogioglio, fra le altre cose, aveva sostenuto la insussistenza di questa aggravante alla luce del fatto che un carabiniere aveva riferito in aula che l’automobilista si era fermato dopo l’incidente.