Scuole chiuse, gruppo di bambini si incontra in spiaggia

 

 

 

 

 

 

 

“La scuola non si chiude, ma si cura. Anzi è la scuola che deve aprirsi al territorio, inserendo L’outdoor urbano nei programmi.”Lo dice la direttrice di Ohana giardino dell’infanzia, Eleonora Clio Di Girgenti che continua: “A seguito della chiusura imposta dall’ordinanza del sindaco un gruppo di bambini da 7 mesi a 3 anni si sono incontrati sulla spiaggia di San Leone per trascorrere due ore con le loro dade del nido. Essere genitori è molto più difficile in questo momento di pandemia. Ci si trova a dover scegliere tra il rischio ipotetico di un contagio, seppur alto, e la certa privazione dei bambini di una esperienza fondamentale di crescita. Le nostre strutture garantiscono le norme di sicurezza e grazie alla collaborazione dei genitori cerchiamo al meglio e in maniera responsabile di prenderci cura dei bambini. La chiusura dei servizi educativi è stata decretata soltanto in alcuni comuni siciliani inspiegabilmente, nonostante in passato si sia garantita in tutta Italia anche in zona rossa. La notizia della sospensione delle ordinanze da parte del TAR di Palermo, a seguito del ricorso presentato dai genitori, è stata accolta con entusiasmo da tutte le famiglie che ritengono fondamentale la tutela del diritto alla salute, quanto la tutela del diritto all’istruzione e alla socialità dei loro figli.”