Scuola De Cosmi: Spataro, bacchetta l’amministrazione “targata Firetto”

Ancora interventi in merito alla questione della Scuola “De Cosmi” che dovrà chiudere per lavori di manutenzione. Oggi, si registra la presa di posizione del Presidente della Commissione Consiliare alla Pubblica Istruzione, Pasquale Spataro, che ieri assieme ai componenti della commissione, ha effettuato un sopralluogo, incontrando anche le famiglie e raccogliendo il loro sfogo. Secondo Spataro,” la giunta di Palazzo dei Giganti non ha attenuanti”. “In particolare l’assessore al ramo, Beniamino Biondi,  – sottolinea – è pienamente colpevole per l’emergenza scattata nella scuola De Cosmi al Villaggio Mosè. Non è tollerabile che, per realizzare dei lavori all’interno dell’edificio, certamente non sbucati all’improvviso, si attenda l’avvio dell’attività didattica, provocando non pochi disagi agli insegnanti, agli alunni e alle famiglie”. “Il titolare della delega all’edilizia scolastica – scrive Spataro – supportato dagli uffici competenti, si sarebbe dovuto muovere tempestivamente in modo da realizzare le necessarie opere nel periodo estivo, evitando così di creare disservizi, trambusto, difficoltà, sfociate ora nelle legittime proteste dei genitori, costretti a subire nefaste conseguenze che altro non sono che frutto di una netta incapacità di governare le criticità del territorio”. 

“Per quanto ci riguarda, continua, stiamo cercando di individuare  una soluzione che possa coniugare le esigenze di tutti e garantire la sicurezza”.  “Al netto dei nostri sforzi, senza ombra di dubbio possiamo dire che  quella che si sta vivendo alla De Cosmi è una brutta storia che certifica come al Comune di Agrigento il vento del tanto sbandierato cambiamento ‘targato Firetto’ tardi ad arrivare. Purtroppo, in questo specifico caso, a spese dei piccoli. Un esempio di inefficienza politico-amministrativa certamente da non tramandare”.  “Programmazione, senso di responsabilità istituzionale e lungimiranza. In un solo colpo,conclude Pasquale Spataro, il governo Firetto ha violato questi tre fondamentali principi che sono alla base per una efficace gestione amministrativa”.