Scandalo Ciapi: Pm chiede condanna a 12 anni per Giacchetto e 4 per Luigi Gentile.

Il Pm Piero Padova ha chiesto la condanna a 40 di carcere complessivi per i sei imputati della prima tranche del processo Ciapi .

Per il canicattinese Faustino Giacchetto, manager della pubblicità, sono stati chiesti 12 anni di reclusione. Per l’ex presidente dell’ente di formazione professionale, Francesco Riggio, il Pm ha indicato la condanna a 9 anni, 4 per l’ex assessore regionale Luigi Gentile, così come per l’ex dirigente dell’Agenzia regionale per l’impiego, Rino Lo Nigro. Stefania Scaduto e Concetta Argento (segretaria e moglie di Giacchetto) rischiano rispettivamente 5 e 6 anni di carcere.

Giacchetto – secondo l’accusa – avrebbe pianificato una mega truffa, creando un sistema illecito per gestire a suo piacimento, grazie alla presunta compiacenza di imprenditori, burocrati e politici, quindici milioni di euro destinati alla comunicazione del progetto Coorap dell’ente di formazione Ciapi. Il processo, che si svolge davanti alla quinta sezione del Tribunale di Palermo, è stato rinviato al 3 ottobre.