Rete delle professioni tecniche “alla carica” per chiedere alla politica di intervenire sul tema della infrastrutture

Torna alla carica la rete delle professioni tecniche. Quasi quotidiani sono gli interventi per chiedere interventi alla politica tutta.


“Dopo che la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) ha trasmesso ai nostri rappresentanti politici i tre emendamenti alla Legge di Bilancio già depositati dai Senatori
MARINELLO e SANTANGELO, sono arrivate le telefonate ed i messaggi di molti politici della nostra provincia.” 

“Come abbiamo avuto modo di ringraziare pubblicamente l’On.le Michele SODANO per essere riuscito a coinvolgere concretamente iSenatori Mario GIARRUSSO, Gianluigi PARAGONE, Carlo MARTELLI  (del gruppo di ITALEXIT) che hanno firmato i nostri emendamenti, adesso abbiamo il piacere di ringraziare pubblicamente la LEGA che in provincia di Agrigento si é attivata grazie all’azione fattiva degli onorevoli Annalisa TARDINO e Carmelo PULLARA.

Riportiamo testualmente – si legge  in una nota- le dichiarazioni dell’europarlamentare, Annalisa Tardino:“Si tratta di un segnale forte che abbiamo voluto dare al territorio, nato da una esigenza dei cittadini che merita la dovuta attenzione da parte della politica. Ringrazio, a tal proposito, il supporto tecnico nonché la spinta propulsiva della Rete delle Professioni Tecniche, che ha avuto il merito di accendere i riflettori su questa tematica”

Siamo profondamente grati a chi ci sta dimostrando con i fatti di volere aiutare il nostro Territorio ad avere ciò che ci é stato vergognosamente negato fino ad ora e che tutto il resto d’Italia già ha ottenuto molti decenni prima di noi.

I tre emendamenti proposti dalla RPT, firmati anche dai seguenti SENATORI della LEGA (SUDANO, PERGREFFI, CAMPARI, RUFA, CORTI, FAGGI, TESTOR, TOSATO), riguardano l’”Aeroporto civile di Agrigento”,  il “Potenziamento della rete stradale della provincia di Agrigento” ed i “Fondi straordinari per gli Enti Locali per la progettazione a favore della Provincia di Agrigento”.

Nel prossimo incontro pubblico, alla presenza degli organi di stampa, chiederemo alla deputazione locale che fino ad ora non ha accolto il nostro appello di supportare concretamente le proposte nate dall’esasperazione di una collettività che si é sentita abbandonata da molti decenni.”