Razziavano abitazioni, tre imputati all’abbreviato

Saranno giudicati con il giudizio abbreviato tre presunti componenti della banda di rom, che avrebbe messo a segno decine di furti in abitazioni in mezza provincia di Agrigento, e in altre zone della Sicilia. Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il rinvio a giudizio per Sasa Radosavljevic, 24 anni, dell’ex Jugoslavia; Lasio Radosavljevic, 35 anni, alias Lasio Lucan, dell’ex Jugoslavia; Daniel Lucan, 30 anni, rumeno; Ciprian Lucan, 38 anni, rumeno e Lasio Rac, 59 anni, serbo.

I difensori di Lasio Radosavljevic, Lucan e Rac, gli avvocati Daniele Re e Agnesa Neculai, hanno chiesto il rito breve, e il Gup del Tribunale di Agrigento Francesco Provenzano ha rinviato l’udienza, per la discussione, la requisitoria del Pubblico ministero, e sentenza, all’udienza del 25 novembre prossimo. Il difensore di Ciprian Lucan, l’avvocato Paolo Ingrao, aveva chiesto di patteggiare la pena a 1 anno, 11 mesi e 20 giorni di reclusione, rigettata dal giudice.

La banda di malviventi era stata sgominata dai carabinieri della Compagnia di Agrigento, perché accusata di aver razziato una ventina di abitazioni, perlopiù villette, tra la zona periferia della città dei Templi, e i centri vicini.