Raid teppistici in centro, devastate alcune auto

Ancora auto danneggiate da vandali a Canicattì. Due quelli compiuti, e denunciati nelle ultime ore. In mancanza di certezze escluso un collegamento fra i due danneggiamenti, e con gli altri compiuti nei mesi scorsi, anche se ad agire potrebbe essere stata la stessa “mano” teppistica.

Il primo raid si è verificato, nelle ore notturne, in via Pavese. Qualcuno, con l’utilizzo di un oggetto appuntito, ha provocato delle profonde rigature sulla carrozzeria di una Kia, intestata ad una donna di Canicattì, ma utilizzata anche dal marito. Graffiati i quattro sportelli, il cofano anteriore, i paraurti, e il tetto.

Teatro del secondo episodio contrada “Fabrizio”. Ignoti, sempre con un arnese a punta, un chiodo o un cacciavite, hanno rigato in più punti la carrozzeria di un’automobile, Audi A1, appartenente ad un imprenditore quarantottenne, canicattinese, ma usata anche dalla moglie. In particolare le rigature hanno riguardato tutti gli sportelli, il cofano motore, i parafanghi e i paraurti.

Ad occuparsi delle indagini i poliziotti del Commissariato cittadino. Gli agenti hanno verificato l’eventuale presenza di telecamere installate nelle zone o nei pressi dei luoghi interessati ai raid.