Polfer: Sicilia, 136 rintracciati e fermate ‘sfide’ su binari

Ben 140.390 persone controllate, con un aumento del 51% rispetto al 2020, 25 arrestati e 155 indagati: e’ questo il primissimo bilancio di fine anno dei controlli della Polizia ferroviaria, grazie anche al maggior impegno connesso all’attivita’ anti-Covid. Nel 2021 gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno rintracciato 136 persone scomparse, di cui 114 minori. In particolare, la Polizia Ferroviaria di Catania ha riaffidato ai genitori una bambina di soli 3 anni che, in un momento di distrazione, si era allontanata da loro. La bambina, di origine albanese, era stata accompagnata presso gli uffici della Polfer di Catania da una podista che, nel transitare nei pressi della stazione, aveva notato la bimba da sola. Diversi gli episodi, registrati anche quest’anno, di ragazzi sui binari per giochi e sfide che avrebbero potuto avere conseguenze tragiche. Per questo la Polizia ferroviaria e’ da tempo impegnata nelle scuole per promuovere, in particolare tra gli adolescenti, la cultura della sicurezza individuale in ambito ferroviario. Sono stati oltre 1.737 gli studenti raggiunti nel corso dell’anno, condizionato dalla pandemia, nell’ambito del progetto di educazione alla legalita’ “Train… to be cool”, realizzato in collaborazione con il Miur. Da segnalare anche i sequestri di armi (una da fuoco, due da taglio e due improprie) e stupefacenti (14 di cocaina e una di hashish). Durante l’anno sono state impiegate 10.957 pattuglie in stazione e 1.238 a bordo treno. Sono stati presenziati complessivamente 2.456 convogli ferroviari. Sono stati inoltre predisposti 1.045 servizi antiborseggio in abiti civili, sia negli scali che sui treni. Le attivita’ di prevenzione sono state incentivate con un aumento delle giornate straordinarie di controllo del territorio per un totale di 33 operazioni: 11 “Stazioni Sicure”, finalizzate al contrasto delle attivita’ illecite maggiormente ricorrenti in ambito ferroviario; 11 “Rail Safe Day”, finalizzate a prevenire comportamenti impropri o anomali, spesso causa di investimenti, 11 “Oro rosso”, finalizzate al contrasto dei furti di rame e 3 “Action Week”, per il potenziamento dei controlli nel trasporto ferroviario di merci pericolose.