Mafia Villaseta, confisca definitiva dei beni al boss Arturo Messina

Confiscati definitivamente i beni sequestrati al boss di Villaseta Arturo Messina morto alcuni anni fa all’età di 62 anni. La decisione è della Corte di Cassazione e riguarda beni immobili e conti correnti, per un totale di circa 5 milioni di euro, che  sono passati ai familiari che si erano opposti alla decisione del Tribunale di Agrigento che con apposito provvedimento della Sezione Misure Prevenzione aveva apposto i sigilli. Gli eredi di Arturo Messina,  hanno sempre sostenuto la legittima provenienza dei beni. Secondo le indagini della Guardia di Finanza, invece, vi sarebbe una sproporzione relativamente ai redditi dichiarati. Arturo Messina era considerato uno degli elementi di spicco della consorteria mafiosa agrigentina e fu condannato all’ergastolo.