L’omicidio del tabaccaio, il fratello fa scena muta davanti al giudice

Ha fatto scena muta Pietro Chiarenza, 64 anni, di Grotte, accusato dell’omicidio del fratello Roberto Chiarenza, di 56 anni, tabaccaio del piccolo centro dell’Agrigento, avvenuto alcuni giorni fa.
Il 64enne è comparso per l’interrogatorio di garanzia, davanti al Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, e si è avvalso della facoltà di non rispondere. Per alcuni momenti è apparso anche poco lucido.

Il Gip deciderà nelle prossime ore se convalidare o meno il provvedimento di fermo avanzato dalla Procura di Agrigento, a firma del pubblico ministero Cecilia Baravelli, titolare del fascicolo d’inchiesta, ed eseguito dai carabinieri della Compagnia canicattinese.