La nuova Champions League prende forma tra certezze e possibili sorprese

Settembre, dopo il penultimo turno delle qualificazioni delle squadre nazionali al mondiale di Russia 2018, è soprattutto il mese di inizio della Uefa Champions League, il torneo più atteso da tutti gli appassionati di calcio del mondo. L’edizione della Champions League 2017-18 avrà inizio a metà settembre e vedrà confrontarsi le migliori squadre del continente europeo. Dopo il sorteggio del 24 agosto scorso a Nyon sono stati sorteggiati gli otto gruppi dai quali verranno fuori le migliori sedici squadre europee che poi si giocheranno tutto nella fase a eliminazione diretta a partire dalla metà del mese di febbraio dell’anno prossimo. La finale, che avrà luogo a Kiev il 26 maggio 2018, stabilirà il vincitore della 63esima edizione del torneo.

 

Le principali favorite per vincere questa competizione, come ben riportano le quote delle scommesse di bet365 sono il Real Madrid, il Barcellona, il Bayern Monaco e la Juventus. Stiamo parlando di quattro corazzate che già l’anno scorso figuravano tra le principali candidate ad alzare al cielo la coppa dalle grandi orecchie. Quest’anno, tuttavia, si è aggiunto il Paris Saint Germain, che nonostante la stagione scorsa sia uscito agli ottavi di finale dopo un sonoro 6-1 al Camp Nou, rendendo inutile l’exploit del 4-0 dell’andata, dopo la faraonica campagna acquisti di quest’estate si è automaticamente inserita tra le pretendenti. Questo perché gli acquisti di Neymar Jr. e Kylian Mbappe, rispettivamente il primo e il secondo acquisto più caro della storia del calcio, permettono adesso a Unai Emery di schierare un attacco sulla carta devastante. Ciò nonostante, se per le quattro squadre già citate fanno testo gli ultimi risultati e il curriculum, il Manchester City può rappresentare l’incognita, la variabile impazzita che potrebbe far saltare il banco. Il tecnico Pep Guardiola sbaglia di rado due stagioni di seguito ed è stato ingaggiato per far fare al City il salto di qualità in Europa. Adesso, dopo una serie di acquisti importanti, proverà a far saltare gli equilibri già presenti sul tavolo della Champions.

 

I gruppi che iniziano a dipingere il quadro iniziale della competizione vedono un equilibrio piuttosto generico, senza nessun girone impossibile o con più di due squadre di prima fascia. Il gruppo del Real Madrid, campione uscente, sembra quello più ostico sulla carta, con il Borussia Dortmund – che già l’anno scorso arrivò primo nel girone davanti ai madrileni – e il Tottenham a giocarsi verosimilmente il secondo posto valido per passare agli ottavi. Un altro gruppo intrigante è quello dove orbita il Chelsea di Antonio Conte, campione d’Inghilterra, insieme all’Atletico di Diego Simeone. Come terza incomoda vi è la Roma di Di Francesco, che dovrà misurare le sue voglie di fare l’exploit con due corazzate. Il Barcellona e la Juventus si giocheranno invece il primato di un raggruppamento dove le altre due squadre sono lo Sporting Lisbona e l’Olympiakos, due compagini che non dovrebbero rappresentare un problema per le due finaliste dell’edizione 2014-15.

 

La nuova Champions League è pronta per iniziare, dopo oltre tre mesi di assenza forzata. E lo spettacolo sarà di nuovo alla portata di tutti.