La Lega perde pezzi e Rita Monella rilancia

Prima sedotti e poi delusi da Matteo Salvini. Ad Agrigento la Lega perde qualche pezzo. Quasi simultaneamente hanno lasciato la “Lega per l’Italia” il commissario cittadino Francesco Di Mare ed il consigliere comunale Nuccia Palermo. Il primo ha salutato il partito con una nota, la seconda ha ufficializzato la sua scelta nel corso della prima seduta di Aula Sollano utile, quella di martedì che in tempo di Covid19 si è tenuta in video conferenza.

La Palermo si è detta delusa da alcune scelte del leader,  le cui uscite in questo periodo di lunga pandemia non sono state condivise. I due politici, probabilmente, sono accomunati dalla delusione nei confronti del leader della Lega. Entrambi, infatti, sono stati accesi sostenitori del capitano milanese prima di essere stati soppiantati, nei loro stessi territori, da scelte mai fatte e continui tentennamenti. E prima ancora della pandemia, quando si cominciavano a definire le griglie di partenza per le consultazioni comunali ad Agrigento e provincia, la Lega rinviava di giorno in giorno possibili accordi ed alleanze rischiando di arrivare alla naturale scadenza senza un piano preciso e definito.

Ma la pandemia ed il conseguente rinvio delle consultazioni non ha aiutato. Secondo la Palermo è stato proprio quest’ultimo periodo ha decretare la fine di quella che lei stessa ha definito un’insofferenza nei confronti delle posizioni della Lega. “Una scelta maturata in me da diverso tempo” ed in molti, nel frattempo, si erano accorti che la sua opposizione nei confronti del primo cittadino negli ultimi mesi si era totalmente affievolito. Palermo ha ringraziato quanti hanno condiviso la sua scelta: Siete stati numerosissimi a plaudire al mio strappo e avete lodato il mio coraggio. La verità è che ci voleva coraggio a rimanere nelle fila di un partito del genere. Da parte mia faccio ammenda per il mio errore e vi dico grazie.

Più misurato, composto e forse anche abbottonato invece Francesco Di Mare (leggi la nota).

Nessun ripensamento invece da parte di Rita Monella che al momento rimane l’unico consigliere comunale di Agrigento in quota Lega e presto presidente provinciale della costituenda Confeuropa imprese.

“Condivido pienamente le scelte della Lega, è il momento “di ripensare regole e appartenenza alla Ue”. Lo dice Salvini, lo ribadisce Monella.

Monella sarà candidata al consiglio comunale alle prossime amministrative e ci sarà da fare delle scelte. “Ovviamente – sottolinea Monella – rimane aperto il dialogo con le forze di centrodestra, facciamo riferimento al nostro Commissario Provinciale Massimiliano Rosselli ed al segretario regionale Stefano Candiani che rimane il nostro punto di riferimento regionale. E’ lui il nostro mentore”.


Domenico Vecchio
Nessun ripensamento invece da parte di Rita Monella che al momento rimane l’unico consigliere comunale di Agrigento in quota Lega e presto presidente provinciale della costituenda Confeuropa imprese.