Incontro sull’isolamento infrastrutturale, Rete delle professioni: “E’ il momento della verità”

La rete delle professioni tecniche (Rtp) ha organizzato un incontro per il 15 dicembre prossimo , alle 19, in modalità mista (sia in presenza che in videocall) per chiedere aggiornamenti sugli emendamenti che riguardano l’isolamento infrastrutturale della provincia di Agrigento, già depositati . I tre emendamenti proposti dalla RPT, firmati da 13 Senatori della Repubblica, riguardano l’”Aeroporto civile di Agrigento”, il “Potenziamento della rete stradale della Provincia di Agrigento” ed i “Fondi straordinari per gli Enti Locali per la progettazione a favore della Provincia di Agrigento”. “Al fine di coordinare al meglio le forze e stabilire una strategia comune- si legge nella nota a firma della rete delle professioni- abbiamo invitato le Istituzioni, tutta la classe politica della provincia (regionale, nazionale ed europea), i 43 Sindaci, le associazioni di categoria e vari Soggetti portatori di interessi pubblici all’incontro pubblico che si svolgerà nei locali dell’Ordine degli Ingegneri siti in via Gaglio n.1 ad Agrigento.” I primi 20 che faranno richiesta potranno partecipare all’evento direttamente in presenza, nel rispetto delle misure cautelative previste per il contenimento della diffusione del virus Covid-19, muniti di green pass, gli altri si potranno collegare alla Piattaforma GoToWebinar al seguente link, purché provvedano alla preventivamente a registrarsi:

https://attendee.gotowebinar.com/register/7771543218276696333

Ecco il testo di uno degli emendamenti che è stato segnalato da alcuni Senatori:

E’ istituito un Fondo per la progettazione a disposizione degli Enti Territoriali e Locali della Provincia di Agrigento per la redazione delle progettazioni di fattibilità economica e finanziaria, definitiva ed esecutiva finalizzato all’utilizzo dei fondi europei, compresi quelli stanziati con il PNRR ed il PSC. All’onere derivante dal presente articolo, pari a 150 milioni di euro per l’anno 2022 e 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024 e 2025, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per lo sviluppo e la coesione, di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Siamo sicuri che la deputazione della nostra Provincia e Chi ci sta dando una mano non farà venire meno la Sua autorevole presenza ed il Suo aiuto concreto.”