Furto nelle scuole: arrestati ragazzi di Agrigento

Ad Agrigento i poliziotti della Squadra Volanti, capitanati da Tommaso Amato, hanno arrestato ai domiciliari Lorenzo Losi, 20 anni, e Marco Oliva, 19 anni, perché nottetempo avrebbero rubato l’incasso del distributore di alimenti e bevande del liceo linguistico “Leonardo”, in via Dante.

Un minorenne, originario di Palermo, è stato invece denunciato a piede libero. I tre, che risponderanno di furto aggravato, sono stati inseguiti tra via Dante e via Manzoni, e Losi, durante la fuga, ha gettato a terra un sacchetto in plastica contenente le monete che si ritengono rubate nella scuola, dove vi sono le tracce di effrazione, e una tenaglia.

Lo stesso Losi risponderà anche di danneggiamento aggravato per avere colpito con un pugno una porta dell’ufficio di polizia, lesionandone la vetrata.
Intervento dei sindacati Di Polizia:

Il Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti di Agrigento plaude ai recenti arresti effettuati dagli Operatori della Sezione Volanti della Questura di Agrigento, ed esprime il proprio compiacimento, specialmente in questo particolare frangente, al fine di sottolineare quanto sia importante garantire il controllo reale del territorio con la presenza fattiva delle cosiddette pantere.
Troppo spesso leggiamo dai quotidiani nazionali e locali dell’aumento vertiginoso dei reati predatori, furti, rapine, scippi, truffe ecc. ecc. questi sono dei reati che provocano delle reazioni negative tra i cittadini facendo aumentare in loro quel senso di insicurezza.
In questi giorni stiamo intensificando le nostre richieste rivolte al Questore di Agrigento affinché abbia una particolare attenzione nei confronti di questo importante settore della Polizia di Stato e al Capo della Polizia affinché non dimentichi questo lembo di terra dove siamo particolarmente impegnati sul fronte dell’immigrazione e dell’antimafia.
I Dirigenti dei Commissariati di Pubblica Sicurezza, a cui va il nostro apprezzamento, devono sviluppare ed intensificare delle strategie operative finalizzate ad una costante presenza sul territorio per ridurre questo trend di crimini comuni ma fastidiosissimi. L’impegno generale a cui ciascuno di noi è chiamato a svolgere deve essere garantito affinché ciascun cittadino in difficoltà possa richiedere ed ottenere un intervento immediato quando formula il nostro numero d’emergenza.