Covid, Zappia: “Siamo preoccupati”

“La curva continua a salire. C’è un’esplosione di casi, e Omicron ha una diffusione sei volte maggiore della Variante Delta. Quello che sta per arrivare è probabilmente il Natale che non ci saremmo immaginati. Siamo preoccupati”. Lo dice il commissario di Asp di Agrigento, Mario Zappia, nel consueto punto settimanale.

Alla data del 23 dicembre ci sono 31 persone ricoverate negli ospedali agrigentini per Covid. Sette si trovano in terapia intensiva, tutte a Ribera. “Siamo al lavoro per aprire una nuova ala e recuperare altri 12 posti – spiega Zappia -. C’è rabbia per il fatto di dover curare quelle persone che non si vogliono vaccinare. Alla fine chi fa il medico lo fa perché è il suo lavoro, ma ne faremmo a meno di curare chi se la cerca”.

Sul fronte vaccinazioni ci sono alcune nuove centinaia di prime dosi effettuate ogni giorno, ma con un numero ancora troppo elevato di persone non vaccinate, ben 60mila in tutta la provincia di Agrigento. “Ed è un bel guaio – continua il commissario Asp -, perché su queste persone il virus ha campo aperto, e potrebbe diffondersi maggiormente. Una situazione che è drammatica, e già ci stiamo preparando al peggio”.

Sul dato della fascia dai 5 agli 11 anni, sono solo 268 i bambini vaccinati ad oggi su 25mila potenziali beneficiari. E sul Natale Zappia lancia un appello a tutti: “Bisogna usare la massima attenzione – conclude Zappia -, tenere aperte le finestre, non condividere bicchieri o sigarette, mantenere la distanza il più possibile”.