Aragonese impugna una pistola e minaccia i parenti. Arrestato dai Carabinieri

Un aragonese, Gerlando Galluzzo di 44 anni, è stato arrestato per i reati di minaccia aggravata e porto abusivo di arma in luogo pubblico. Avrebbe impugnato la pistola e minacciato alcuni parenti in pubblica via davanti l’ingresso di un garage.

Immediatamente allertati i carabinieri che, individuati i contendenti e sentite le parti ed i testimoni, hanno effettuato una perquisizione domiciliare a casa dell’aggressore rinvenendo una pistola semiautomatica marca Beretta cal. 9 corto con colpo in canna e 9 pallottole nel serbatoio ed ulteriori 30 cartucce medesimo calibro.

Pertanto venivano invitate, in caserma, le parti e si è pure accertato che se pur l’arma era regolarmente detenuta, il Galluzzo non aveva alcun titolo autorizzativo per il porto. 

A quanto pare, la lite ha avuto origine per futili motivi ovvero le vittime delle minacce (cognato e nipote dell’arrestato) utilizzavano il garage di famiglia insistente nella medesima abitazione del Galluzzo per rimessaggio di alcuni mezzi agricoli, cosa non gradita all’uomo il quale dapprima con frasi minacciose ha invitato i parenti ad andarsene e successivamente è salito nella propria abitazione per prendere la pistola e dare così maggiore forza alla sua intimidazione puntando l’arma all’indirizzo del nipote.

L’uomo, terminati le formalità di rito, è stato accompagnato nuovamente presso la propria abitazione agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato d’innanzi il Tribunale di Agrigento.