“Anime nude” si inaugura all’ex collegio dei Filippini

Donne comuni che portano i segni della violenza sul corpo e, principalmente, nell’anima.

Trenta scatti a cura di Roberta Tortorici che diventano l’arma per sconfiggere il mostro.

Una mostra, dal titolo “Anime nude”, che mette a nudo perfino l’autrice, prima “cavia” di sé stessa   nell’esperimento che ha consentito anche alle altre donne di “liberarsi” dai mostri.

“Sono donne, non modelle – racconta Roberta Tortorici – che si sono offerte volontariamente di essere fotografate. Tra loro ci sono anche io. Tutto comincia da un esperimento che ho fatto su me stessa in un periodo particolarmente difficile e, visto il risultato, ho deciso di condividere la mia esperienza con altre donne che hanno subito violenza non sempre fisica ma psicologica. Ciascuna di loro si è spogliata e, sulle note di una playlist che l’emozionava, si è lasciata andare a pensieri ed emozioni aiutandole, così come ho fatto io, a sconfiggere i mostri”.

“Anime nude” sarà inaugurata sabato prossimo, alle 17, all’ex Collegio dei Padri Filippini nel corso di un evento che vedrà sul palco diversi artisti, testimonial ed esperti.

Le opere rimarranno esposte fino al 7 gennaio prossimo. Ingresso gratuito.

Interverranno:

Paola Caruso, psicologa; Nadia Lauricella, influencer candidata da “La Repubblica” come “Donna dell’anno”; Elisa Cilona, performer; Roberta Lala, assessore comunale alla Pari opportunità; Salvatore Nocera Bracco, medicartista; Alberto Prestia, poeta.

L’evento sarà presentato da Marco Gallo.

Breve biografia

Roberta Tortorici, laureata all’Accademia di Belle arti di Catania con il massimo dei voti, coltiva la passione per la fotografia fin da piccola e ha conseguito diversi diplomi in Fotografia seguiti da fotografi di caratura nazionale, tra cui anche Gianluca Bonanno. Dopo la laurea, Roberta è tornata ad Agrigento dove, insieme con altri fotografi e videomaker, ha fondato lo Studio Arteventuno. Oggi realizza numerosi progetti artistici e fotografici per aziende del settore agroalimentare, turistico e per alcuni eventi tra i più importanti dell’Agrigentino oltre a partecipare ad alcuni contest tra i quali, nel 2021, la prima edizione di Agrigento Cooking Show dove Studio Arteventuno vince nella categoria “migliore foto – video”. Nell’autunno 2021 inaugura la sua prima mostra fotografica “Anime nude”, un progetto sociale dall’impatto emotivo forte e imponente. I suoi scatti sono stati pubblicati su riviste di settore.