Akragas, vittoria e primato: il Canicattì si arrende due a zero

L’Akragas batte il Canicattì e riaggancia la vetta della classifica. Allo stadio Esseneto di Agrigento, i biancoazzurri di mister Giuseppe Anastasi portano a casa l’intera posta in palio grazie ad un secco due a a zero, maturato nella ripresa con i gol di Gambino e Tuniz. Il Canicattì ha disputato una buona partita e nel secondo tempo ha impensierito in un paio di occasioni il portiere Di Carlo. La partita è stata maschia e giocata a viso aperto da entrambe le formazioni. Il folto pubblico presente sugli spalti si è divertito parecchio e ha goduto di un bellissimo spettacolo, tra due ottime formazioni. L’Akragas sfiora il gol dopo sette minuti con Prestia che colpisce il palo. Il Canicattì attacca ma non riesce mai ad impensierire il numero uno dell’Akragas. Alla mezzora ospiti in dieci per l’espulsione di Raimondi per fallo sullo svedese Corner. Nella ripresa l’Akragas alza il baricentro alla ricerca del gol che arriva al 66esimo sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Leonardi: il centravanti Gambino, appostato sul secondo palo, colpisce al volo il pallone che s’insacca in fondo alla rete del Canicattì. Per l’attaccante agrigentino sono 200 reti in carriera. I biancorossi reagiscono subito e sfiorano il pari, ma Di Carlo tiene avanti l’Akragas. Nel finale, ancora un calcio d’angolo, castiga definitivamente un coriaceo Canicattì: il difensore Tuniz spinge la palla in fondo al sacco sotto porta. Vittoria meritata per l’Akragas che agguanta in vetta al campionato il Canicattì e domenica prossima la sfida in trasferta alla Mazarese.