Akragas a Catania a testa alta, perde ma non demorde, ora nuova settimana di passione societaria

Akragas continua a perdere, ma se con Trapani e Fidelis Andria era mancata la prestazione, a Catania, i biancoazzurri non hanno fatto brutta figura. I ragazzi hanno onorato la maglia, dimostrando di non meritare l’attuale situazione che stanno vivendo. Il 2-0 finale è figlio di una partita condizionata dall’espulsione di Parigi, arrivata al 30esimo del primo tempo per rosso diretto. Le reti dei rossazzurri però arriveranno solo nella ripresa. Al 58esimo a sbloccare l’incontro è l’ex Di Grazia, al 61esimo la chiude Curiale. L’Akragas incassa la settima sconfitta di fila e dato ancor più preoccupante è che nelle ultime sei gare non ha mai segnato. Di Napoli che ha dovuto seguire la partita dalla tribuna perchè squalificato, può comunque essere soddisfatto perchè la sua squadra sul piano del gioco e dell’atteggiamento non è sicuramente mancata, uscendo dal Massimino a testa alta, nonostante la sconfitta e l’ultima posizione in classifica. Per i tifosi akragantini comincia un’altra settimana di passione, mercoledi’ a Milano il presidente Silvio Alessi incontrerà Roberto Nava per conoscere le sue proposte. Archiviata la trattativa con Alessandro Nuccilli, (secondo quello che ci ha riferito Alessi mancano le condizioni) ai tifosi biancoazzurri non resta che sperare che Nava porti sul tavolo qualcosa di concreto e convincente.