Abusi sessuali e adescamenti più chat. “In emergenza Covid casi raddoppiati”

“In piena pandemia abbiamo mappato un numero elevato di abusi e adescamenti sui social e nelle chat, solo ieri abbiamo ha inoltrato alla polizia postale italiana e anche a quella spagnola e neozelandese otto segnalazioni con espliciti riferimenti in diverse chat dedicate all’adescamento e alla diffusione di video e foto con inenarrabili violenze sui bambini”.

Così don Fortunato di Noto, fondatore dell’associazione Meter, nella Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia. Sono 245 (con una crescita del 40 per cento) le segnalazioni che Meter (dal 1 marzo a oggi) ha inoltrato alle forze di polizia.

Le chat sono state 265 con profili sospetti in varie piattaforme; migliaia di decine di video e basti pensare solo ad alcune segnalazioni contenenti 34.252 foto che corrisponderebbero a circa 30 mila bambini già vittime di violenze sessuali.